UN PROGETTO DI CRESCITA, LA FORZA DELL’EDUCAZIONE: L’AGESCI

L’AGESCI è nata nel 1974, come iniziativa educativa liberamente promossa da credenti, dall’unificazione di due preesistenti associazioni, l’ASCI (Associazione Scout Cattolici Italiani), maschile, e l’AGI (Associazione Guide Italiane), femminile.

E’ un’associazione di giovani per i giovani, aperta a ragazzi e ragazze dagli 8 ai 21 anni che, in essa:

Crescono secondo una scelta e un progetto specifico di coeducazione, per formarsi come persone che sanno capirsi, collaborare, discutere, decidere insieme;

  • Si assumono responsabilità personali proporzionate all’età e vivono occasioni per sviluppare a fondo qualità ed interessi, in una progressione di crescita che ciascuno progetta e verifica personalmente con i Capi;
  • Vivono esperienze appassionanti di vita all’aperto e di conoscenza dell’ambiente, incontro con persone e situazioni diverse, per acquisire le capacità che vengono dallo scouting: saper osservare, capire, agire;
  • Si aprono alla dimensione internazionale, nel frequente incontro gioioso con scout e guide di Paesi diversi, sperimentando l’apertura all’altro e il rispetto delle differenze, la solidarietà e la cooperazione;
  • Camminano nella fede, che parte dalle esperienze vissute, attraverso un sentiero fatto di conoscenza, approfondimento, preghiera, confronto.

L’AGESCI non è un’isola. Il collegamento con le altre realtà esistenti sul territorio è importante e necessario. Importante perché permette di realizzare sinergie, di progettare insieme e di rendere più efficace il lavoro educativo; necessario perché solo così si coglie la propria collocazione nella rete dei soggetti sociali e politici e si partecipa con maggiore coscienza alla costruzione della società.

Costruire la “rete” non è facile e mantenere vive le relazioni a volte è faticoso, ma è l’unico modo per non ripiegarsi su se stessi.

La struttura organizzativa dell’AGESCI prevede una metodologia democratica nel decidere le linee prioritarie di impegno e di proposta e nell’eleggere i responsabili a livello locale, regionale e nazionale.

L’adeguamento della proposta educativa e lo studio di contenuti tecnici e di realizzazioni operative vengono curati da vari settori associativi che operano con propri incaricati nazionali: branca Rover/Scolte, branca Esploratori/Guide, branca Lupetti/Coccinelle, Stampa, Internazionale, Emergenza e Protezione Civile, Specializzazioni, Nautico, Pace Nonviolenza Solidarietà, Foulards Bianchi.